LA “MIA” MONTATURA FLO’

10 Settembre 2009

090.jpg

Cari amici,
vi propongo una montatura pratica, sensibile e utile in diverse occasioni che, a mio parere, rappresenta una variante alla classica pesca a fondo e a quella all’inglese.
La “flo” vi permetterà inoltre di dimenticare un’ingombrante attrezzatura!
La canna, indipendentemente dal numero degli anelli, dovrà essere a mulinello, lunghezza 4/5 metri (potranno essere utilizzate anche quelle per pescare a striscio).
Il galleggiante più adatto è del tipo inglese, nella versione “penna o penna con zavorra” perché dall’esperienza maturata negli anni (con diversi modelli di galleggianti) ho imparato che, quando si alza un po’ di vento, il galleggiante tipo “bodied” con il caratteristico bulbo, viene prima trascinato a fondo dalla piombatura e poi risale senza poter riemergere -rimanendo sospeso a mezz’acqua- pressato dal movimento delle onde.
Dato il tipo di galleggiante scorrevole, sarà d’obbligo lo stopper e fondamentale non tagliare l’eccedenza del filo di lana bensì lasciare lunghi baffi di almeno 4-5cm.

002.jpg
Occorreranno infine due piccole perline: una si posizionerà prima dello stopper per bloccarne la corsa e l’altra, usata come ammortizzatore, verrà inserita subito dopo la girella con moschettone (a quest’ultimo attaccheremo in seguito il galleggiante).

004.jpg

Dato che la piombatura dovrà permetterci di raggiungere il fondo, aggiungeremo alla lenza 1 / 1.5gr di peso in più rispetto all’originaria taratura del galleggiante.
In alternativa all’utilizzo dei classici piombi dolci per l’inglese (rotondi spaccati grossi tipo AAA o BB) consiglio una pratica olivetta.
Per quanto riguarda il filo, personalmente prediligo il tipo scuro per carpe del diametro di 0,22mm non affondante.
Azione: lanciare trattenendo la lenza e controllando che la stessa, tramite l’osservazione dello stopper, scorra liberamente trascinata dai piombi. Quando spunterà l’astina, saremo in pesca.
Osservazioni: sarà divertente vedere molte mangiate senza più aspettare le rare abboccate di pesci voraci.

085.jpg
Il segreto: il filo fluorescente! Costruire lo stopper con il filo fluorescente  garantirà durante il giorno un assoluto controllo della lenza e in notturna la certezza di essere sempre in pesca.
Spero di avervi  incuriositi e vi auguro buon divertimento.

Maurizio C.


Chiudi
Invia e-mail